fbpx

Blog

Prodotti autunnali, benessere tutto l’anno!

Oggigiorno viviamo in un mondo in cui è sempre più difficile trovare ed apprezzare i sapori che la natura spontaneamente ci offre. Siamo assuefatti dai ritmi frenetici che la società ci impone e, anche nel fare la spesa, preferiamo adeguarci alle molteplici scelte del supermercato sotto casa, sempre ricco di ogni varietà possibile e immaginabile, senza pensare a quale sia effettivamente la frutta migliore da consumare in un determinato periodo dell’anno.

Questo crea un impoverimento della nostra alimentazione perché si assumono cibi privi delle loro caratteristiche principali e si instaura la tendenza a consumare sempre gli stessi alimenti poiché sempre reperibili al supermercato.

Rispettare la stagionalità degli alimenti è davvero molto importante, sia per poter usufruire del massimo potere nutritivo del vegetale giunto a spontanea e naturale maturazione, sia per godere del suo gusto migliore. È necessario, anche per i nostri figli educarli a crescere rispettando i cicli della natura, a godere in ogni stagione dei frutti e della verdura che essa ci offre e soprattutto imparare a variare l’alimentazione.

Le motivazioni che devono condurci ad una scelta del genere sono davvero tante, e soprattutto possono generare benefici molteplici, sia per la nostra salute, che per l’ambiente circostante. Il tutto senza dimenticare uno sguardo alla variabile economica; infatti non è certamente prioritaria, ma neppure trascurabile, l’idea di risparmiare qualche soldino. Proviamo però a chiarire ed approfondire questi concetti.

  1. Assenza o quantità ridotta di pesticidi. L’attenzione ai temi della salute è sempre più elevata, le persone comprendono quanto sia importante salvaguardare il proprio benessere fisico e lo fanno consumando quantità sempre maggiori di frutta. Benissimo, tutto corretto da un punto di vista concettuale. Allo stesso tempo bisogna tenere in considerazione il fatto che la frutta di stagione cresce più forte in maniera naturale, non è vittima degli attacchi di insetti e parassiti e, di conseguenza, ha bisogno di pochissimi pesticidi per arrivare ad una maturazione ottimale.
  2. Aumento delle proprietà benefiche. Direttamente collegato al punto precedente è l’aumento delle proprietà benefiche per il consumatore. La frutta di stagione è molto più ricca di principi attivi e sostanze nutrienti rispetto a quella coltivata fuori periodo. Lo stesso discorso vale anche per l’apporto calorico, commisurato e proporzionale rispetto alla stagione dell’anno in cui i frutti vengono raccolti in base al loro ciclo di vita.
  3. Sapore migliore. Probabilmente non è neppure necessario spiegare che un’albicocca mangiata a dicembre è meno gustosa di quella consumata in primavera. Ogni frutto ha la sua stagione, ed è solo in quella stagione che manifesta le sue migliori qualità, sia per quanto riguarda il gusto che l’aroma o il profumo.
  4. Rispetto per l’ambiente e la terra. Purtroppo per rispettare l’ambiente si dovrebbe scegliere innanzitutto frutta coltivata in luoghi vicini a noi. È impossibile, infatti, non considerare l’impatto ambientale dei trasporti di lungo raggio, per i quali vengono utilizzati prevalentemente combustibili fossili. Stessi combustibili che alimentano anche i sistemi di riscaldamento, raffreddamento e illuminazione delle enormi serre costruite per concederci il lusso di mangiare una zucchina durante le feste di Natale: una cosa del tutto innaturale! Rispettare l’ambiente, quindi, significa scegliere frutta compatibile non solo con la stagione in corso, ma anche con il nostro contesto climatico.
  5. Risparmio economico. Perché mangiare frutta di stagione costa meno? Ovviamente le spese di trasporto vengono caricate sul costo di vendita finale e ricadono interamente sul consumatore. Ragionamento identico può essere fatto per la produzione in serra; in questo caso, infatti, i costi di trasporto sono semplicemente sostituiti da quelli energetici necessari alla produzione.

Tutto ciò vale anche per i derivati di frutta e verdura, per questo abbiamo creato molteplici prodotti fatti con materie prime locali dell’azienda Biologica Terra Viva Belluno come i biscotti alla zucca, la torta mele e farro, i grissini al mais e quelli alla zucca. Potete trovarli nei nostri negozi o assaggiarli alla FESTA D’AUTUNNO sabato 27 ottobre dalle ore 10 nel nostro negozio di Cavarzano, dove sarà presente anche Manuel, titolare dell’azienda Terra Viva Belluno, con i suoi ortaggi e frutti pronti da acquistare!

I migliori prodotti locali autunnali

Mela

E’ un frutto tonico per il sistema muscolare e nervoso grazie alla buona quantità di calcio, magnesio, potassio e sodio e la pectina contenuta nella mela aiuta l’intestino pigro e combatte il colesterolo. La mela è diureticadigestiva e depurativa per il fegato e il sistema linfatico. Miniera di fibre, vitamine e sali minerali è un alimento ricco di sostanze antiossidanti che aiutano a ritardare l’invecchiamento. Per avere a disposizione la maggior quantità possibile di vitamine, soprattutto vitamina C, bisogna consumare questo frutto molto maturo.

Uva

E’ un potente antiossidante, è disintossicante, facilita il transito intestinale e ha un effetto drenante. L’uva è ricca di vitamine, di sali minerali come potassio, calcio, zinco, rame e fosforo. Ricca di zuccheri facilmente assimilabili, è indicata in caso di affaticamento perché molto energetica. Da tener presente che l’uva nera ha proprietà antiossidanti maggiori rispetto all’uva bianca.

Fichi

Sono una buona fonte di fibre, vitamine del gruppo B, di ferro e di potassio. Utili in caso di stipsi,i fichi sono tra i frutti migliori per gli sportivi perché danno energia senza appesantire. Ottimi anche per combattere l’affaticamento e come merenda per i bambini.

Castagne

Alimento dal valore nutritivo altissimo, sono un ottimo ricostituente e una fonte di energia, nonchè eccellenti rimineralizzanti grazie alla presenza di minerali quali zolfo, magnesio, potassio, fosforo. Le castagne possono essere un buon sostituto del pranzo o comunque di pane o pasta per  l’alta concentrazione di carboidrati, zuccheri e proteine.

Zucca

Ricca di betacarotene, di zuccheri e sali minerali soprattutto potassio. Nonostante il suo alto potere saziante la zucca ha pochissime calorie ed è per questo molto indicata per chi deve perdere peso. Antiossidante, e ricostituente è consigliata in caso di astenia e va benissimo per i bambini che solitamente la amano molto per il gusto dolce. La zucca ha buone proprietà lassative ed ha un’azione depurativa.

Carota

Questo ortaggio viene spesso considerato molto comune e povero, in realtà ha tantissime proprietà. E’ antinfiammatorio, regolarizza l’intestino, e, grazie ad un’alta percentuale di betacarotene, è un alimento molto utile per preservare la salute degli occhi e della pelle.  La carota è un potente remineralizzante  e poiché  contiene molto ferro (dal 4 all’8 %) risulta consigliata in caso di anemia.

Spinaci

Gli spinaci sono ricchi di ferro, che tuttavia non è facilmente assimilabile a causa dell’acido ossalico. Sono invece preziosi per l’elevata quantità di acido folico e di vitamine B e C. Questo ortaggio apporta anche una buona quantità di clorofilla, utile in caso di anemia,  per depurare il fegato e come ricostituente generale.  Gli spinaci sono blandamente lassativi e diuretici. Per sfruttare le loro proprietà andrebbero consumati crudi o appena scottati al vapore.

Cavolfiore, Cavolo, Cavoletti di Bruxelles, Cavolo verza

cavoli sono tutti ricchissimi di minerali, soprattutto il cavolo verza. Al cavolo è riconosciuta un’azione cicatrizzante, ed è per questo che risulta molto benefico in caso di ulcera gastroduodenale.

 

POST A COMMENT